Professore Valerio Sansone Chirurgo Ortopedico

Il Ginocchio / Lesioni dei legamenti

Trattamento – conservativo
Subito dopo il trauma, vi saranno prescritti riposo, impacchi di ghiaccio e farmaci anti-infiammatori. Consigliabile anche l’uso di due bastoni per ridurre il peso sul ginocchio durante il cammino. Se l’ articolazione è particolarmente gonfia e dolente, l’ortopedico vi aspirerà il liquido contenuto all’interno, con immediato sollievo. L’eventuale presenza di sangue, indicherà che, con ogni probabilità, c’è la lesione di un legamento .
Passata la fase acuta, vi sarà dato un programma di esercizi per recuperare il movimento e la forza muscolare. In alcuni casi sarà applicata una ginocchiera elastica o rigida per contrastare l’eventuale instabilità.
In caso di persistenza di instabilità, dolore e gonfiore, si passerà al trattamento chirurgico.

 
Trattamento – chirurgico
Ricostruzione legamentosa in artroscopia . Al posto del legamento rotto, si trapianta un tessuto prelevato dal ginocchio stesso del paziente (autotrapianto). In genere, si utilizza la parte centrale del tendine rotuleo oppure il tendine del semitendinoso, eventualmente rinforzato da quello del gracile. Il prelievo di tessuto non provoca perdita di forza né di funzionalità delle strutture donatrici.
Il chirurgo eseguirà una piccola incisione in prossimità del ginocchio, per prelevare il tessuto da trapiantare. Poi, in artroscopia , praticherà due fori all’interno della tibia e del femore In essi inserirà il nuovo legamento in modo che abbia la stessa posizione del precedente. Per fissarlo all’osso, potrà utilizzare diversi sistemi: chiodini riassorbibili, viti metalliche o riassorbibili, piccole placche o cambre metalliche, etc. Infine, prima di suturare le ferite, inserirà nel ginocchio un tubicino di plastica per far uscire il sangue in eccesso che si dovesse formare; il tubicino sarà rimosso dopo 1-2 giorni.
 
 
Riabilitazione dopo l’operazione
Dopo la ricostruzione di un legamento è necessario seguire un preciso programma riabilitativo per i 6 mesi successivi. Già dal giorno successivo all’operazione inizierete dei leggeri esercizi di mobilizzazione del ginocchio e potrete fare qualche passo con l’ausilio di due stampelle. Non dovrete spostare il peso del corpo sull’arto operato (se non in minima misura), per 4-6 settimane.
Il vostro chirurgo vi controllerà ad intervalli di 45 giorni circa, per controllare che tutto proceda bene e per aggiornare il programma riabilitativo.
 
 
Quando tornerò alla normalità?
La tabella che segue indica quali sono i tempi medi per la ripresa delle attività più comuni. Tuttavia, è sempre opportuno consultare il proprio chirurgo in caso di dubbio.
 

 
Guida
Lavoro sedetario
Lavoro manuale
Sport a basso impatto*
Sport ad alto impatto
Ricostruzione legamentosa
 
2 settimane
 
1-2 settimane
 
6 settimane
 
4 settimane
 
6 mesi

* Per sport a basso impatto s’intendono le attività svolte senza applicare il peso del corpo sull’arto operato, come il nuoto, il ciclismo, etc.