Professore Valerio Sansone Chirurgo Ortopedico

Il Ginocchio / Ginocchio valgo/varo

Deformità in varismo-valgismo
Cosa sono le deformità del ginocchio?
In un ginocchio normale, correttamente allineato, il peso del corpo è trasmesso dall’anca giù per il centro del ginocchio e della caviglia. In realtà, anche nel ginocchio normale, circa il 60% del peso passa per la parte interna ed il 40% per quella esterna. Quando il ginocchio non è ben allineato, è definito “ varo ” (curvo) o “ valgo ” (a forma di X). Nel ginocchio varo , c’è uno squilibrio nella ripartizione del peso che grava troppo sulla parte interna. Questo provoca un notevole sovraccarico sulle strutture interne dell’ articolazione come il menisco , i legamenti e, soprattutto, la cartilagine e l’osso sottostante. Se la deformità è accentuata ed il paziente è in sovrappeso, le forze eccessive portano alla progressiva degenerazione del menisco , fino alla sua rottura, ed a modifiche nei legamenti e nell’osso che diventano più spessi e più rigidi. Quando le forze superano il livello di resistenza della cartilagine del compartimento interessato comincia l’ artrosi , con la cartilagine che dapprima si frammenta e si assottiglia ed, infine, scompare del tutto ( artrosi grave). Questo provoca un peggioramento della deformità ed un ulteriore aumento del sovraccarico. Nel ginocchio valgo accade il contrario, con sovraccarico del compartimento esterno e delle sue strutture articolari.
Coloro che hanno un ginocchio varo o valgo hanno quindi maggiori probabilità di sviluppare un’ artrosi , rispetto alle persone con un ginocchio diritto.
 

Quali sono le cause?
La maggior parte delle persone ha solo piccoli difetti di allineamento degli arti inferiori, con struttura e funzionalità sostanzialmente normali.  Inoltre, in alcuni periodi dell’accrescimento il varismo ed il valgismo delle ginocchia sono normali. Infatti, a causa della diversa velocità con cui si sviluppano le varie parti del corpo, la maggior parte dei bambini intorno ai 3 anni, ha un ginocchio varo . Negli anni successivi accade il contrario, con il ginocchio che diviene progressivamente valgo , finché, intorno ai 7 anni, comincia a raddrizzarsi e ad assumere la sua conformazione definitiva.
Un leggero valgismo è normale. Nella donna, a causa della maggiore larghezza del bacino, è maggiore che nell’uomo. Questo può contribuire a spiegare perché il valgismo patologico è più frequente nelle donne.

I casi che possono portare alla necessità di un trattamento ortopedico derivano, la maggior parte delle volte, dalle seguenti condizioni:

• disturbi della crescita (displasia epifisaria) che può essere però parte di un disordine dello sviluppo più generalizzato
• postumi di un trauma che abbia provocato un danno alla cartilagine di accrescimento del femore o della tibia a cui segue uno sviluppo asimmetrico dell’osso
• patologie ossee (rachitismo, morbo di Paget)
• precedente asportazione completa di un menisco (meniscectomia totale)

A prescindere dalle cause che hanno provocato il disallineamento, l’eccesso di peso corporeo accentua significativamente i sintomi. Questo perché aumenta le forze applicate sull’osso e sulla cartilagine del ginocchio.


Quali sono i sintomi?
Il principale è il dolore quando il paziente si mette in piedi o dopo aver percorso una certa distanza. A volte si associano zoppia e gonfiore.
 

 

Diagnosi
L’ortopedico vi richiederà delle radiografie standard del ginocchio ed una in stazione eretta che comprenda le anche e le caviglie. In questo modo potrà calcolare quanto il ginocchio è fuori dal normale allineamento. E’ però importante che il paziente riferisca correttamente quali sono i disagi che questa situazione comporta, perché questo è uno dei parametri su cui si basa l’ortopedico per decidere la terapia. Il medico inoltre, visiterà il ginocchio per capire meglio se ci sono ancora margini per un trattamento conservativo o se, invece, non resti altra soluzione che un intervento chirurgico.